cantina de bacco

De Bacco - Veneto

Siamo due fratelli vignaioli ai piedi delle Dolomiti Bellunesi. Non pensavamo di diventare vignaioli ma il richiamo della nostra terra – dura, ripida e aspra – è stato troppo forte. Talmente forte da trasformare quella che era poco più di una passione di famiglia in un lavoro vero e totalizzante.

Nel 2008 siamo diventati titolari dell'azienda agricola di nostro nonno Pietro, che possedeva solo un vigneto di 2000 metri quadrati e produceva vino solo per il piacere della famiglia. In quel piccolo vigneto c'erano poche viti, erano lì da un pezzo e forse ci aspettavano.

Da allora abbiamo investito in nuovi impianti e oggi coltiviamo 10 ettari di vigneto, avendo recuperato varietà autoctone praticamente sconosciute come la Gata, la Pavana e la Bianchetta alle quali abbiamo affiancato altri vitigni Merlot, Pinot Nero, Teroldego, Traminer, Manzoni Bianco e Chardonnay. Un passo dietro l’altro, nel 2011 abbiamo inaugurato la nostra cantina.

Crediamo nella biodiversità che fa grande l'Italia: Bianchetta e Pavana sono le nostre varietà e non abbiamo intenzione di dimenticarcene. Tra l'altro ci regalano l’opportunità di produrre un vino unico e fortemente caratterizzato.

Produciamo 50.000 bottiglie l’anno: un numero limitato, prodotto con lavorazioni per lo più manuali, in vigneti in pendenza su conoidi ghiaiosi, calcarei, raggiungibili solo a piedi. Riduciamo al minimo i trattamenti fitosanitari e abbiamo annullato del tutto l’uso di diserbi.

Le nostre rese per ettaro sono molto basse, su alcune sperimentazioni arriviamo ai 30 quintali per ettaro. Gli appezzamenti sono tutti di piccole dimensioni per non stravolgere il paesaggio, concentrati nei comuni della comunità montana Feltrina, la zona più vocata per la viticoltura nella provincia di Belluno.

La viticoltura nel Feltrino è stata una importante fonte di sostentamento fino ai primi del Novecento, ma negli anni la coltivazione della vite è stata abbandonata a causa di guerre, emigrazione e industrializzazione.

vini dolomiti cantina de bacco

Ma a noi piacciono le sfide, come ci piace l'idea di non esserci inventati nulla. Con costanza e dedizione stiamo recuperando quello che era stato perduto, ponendo fine all'abbandono del nostro splendido territorio dolomitico. I nostri prodotti sono espressione di un territorio unico con caratteristiche di coltivazione estreme dalle quali nascono vini molto personali e irripetibili.

Il nostro vino è esattamente quello che siamo. Esce dagli schemi, non è assimilabile ad altri vini, non segue mode o stereotipi ma va dritto per la sua strada, per ritrovare la gloria di un tempo. Al primo sorso regala il sapore e le sfumature di una terra difficile.

Marco e Valentina De Bacco 


Lascia un commento

Nota bene, i commenti devono essere approvati prima della loro pubblicazione.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.