VINI PUGLIESI PREGIATI

5 Rossi e 5 Bianchi Unici ed Esclusivi

Se ami il vino e vuoi scoprire bottiglie straordinarie, la Puglia è una regione che merita l'attenzione di winelover e curiosi.

Con una storia vitivinicola che risale all'epoca dei Romani e un clima mediterraneo semplicemente ideale per la coltivazione della vite, la Puglia è rinomata per la produzione soprattutto di vini rossi e rosati ma non mancano bianchi di qualità che ti lasceranno a bocca aperta.

In questo articolo, ti guidiamo alla scoperta dei vini pugliesi più pregiati, per aiutarti a fare la scelta perfetta.

Di cosa parliamo:

  • Zone di produzione dei vini più pregiati 
  • I vitigni più diffusi 
  • I vitigni autoctoni
  • I vitigni alloctoni e internazionali
  • DOCG, DOC e IGT consigliati dai nostri sommelier
  • I numeri del vino della Puglia
  • 5 vini rossi pugliesi pregiati ed esclusivi
  • 5 vini bianchi, bollicine e rosati pugliesi pregiati ed esclusivi
  • FAQ

Le zone di produzione dei vini pugliesi più pregiati

La Puglia è divisa in diverse aree vitivinicole, ognuna con le sue caratteristiche specifiche. Le principali sono tre e includono Daunia, Murgia e Penisola Salentina:

91.750

Ettari vitati

13.000

Ettari bio

10.8 milioni Hl

Prodotti nel 2022

I vitigni più diffusi

La Puglia è nota per un’ampia varietà di vitigni autoctoni e alloctoni che danno vita a vini di alta qualità.

Ecco quali sono le uve più diffuse in Puglia.

I vitigni autoctoni tipici

I vitigni tipici della Puglia a bacca bianca sono i seguenti:

🥂 Bianco d'Alessano; Bombino Bianco (Bonvino); Francavidda (Francavilla); Minutolo; Verdeca o Pampanuto.

Quelli a bacca nera invece:

🍷 Bombino Nero; Malvasia Nera di Lecce; Malvasia Nera di Brindisi; Negroamaro; Nero (Uva) di Troia; Notardomenico; Ottavianello; Primitivo di Manduria; Susumaniello.

I vitigni internazionali

In Puglia si coltivano anche uve alloctone e internazionali.
Le principali sono: Sangiovese, Montepuciano, Chardonnay, Cabernet Sauvignon, Syrah, Trebbiano toscano, Malvasia e Riesling.

Quali vini pugliesi acquistare? DOCG, DOC e IGT consigliati dai nostri sommelier

Una cosa da sapere sui vini pugliesi è che oggi alcune DOC della Puglia sono poco riconosciute (tra queste: Alezio, Matino e Nardò), per varie ragioni tra cui la delocalizzazione deivigneti e degli agri. Per questa ragione molti vini pugliesi, anche di alta qualità, sono IGT. Non bisogna quindi farsi ingannare dallo schema classico.

La Puglia offre una vasta gamma di vini straordinari, ognuno con le sue caratteristiche distintive.

La produzione di vini di qualità in Puglia infatti ha conosciuto un notevole sviluppo a partire dagli anni '90 del secolo scorso. Prima di questo la Puglia era molto conosciuta per la produzione di vini da taglio, specie del Nord Italia.

Tuttavia, a partire dagli anni '90, ci sono stati cambiamenti significativi nell'approccio dei produttori pugliesi alla viticoltura e all'enologia e oggi si trovano chicche assolute.

Ecco alcune indicazioni per orientarsi tra le denominazioni e vini da provare suggeriti dai nostri sommelier:

Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOCG: Un vino rosso corposo e strutturato, fatto principalmente con il vitigno Nero di Troia (min. 90%). Deve invecchiare almeno 2 anni di cui uno in legno prima di essere messo in commercio. Perfetto per le occasioni speciali.

Primitivo di Manduria DOC: Un rosso intenso fatto principalmente con il vitigno Primitivo (min. 85%). Ha note di frutta nera matura e spezie. Con la menzione Riserva deve essere fatto affinare almeno 2 anni prima di essere commercializzato.

Salento DOC:
Denominazione a origine controllata che comprende bianchi, rossi e rosati prodotti nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto con un vasto numero di uve. Viene indicato il vitigno quando presente per almeno l'85%. Famosissimi sono i rosati: da provare!

Salice Salentino DOC: Questa denominazione offre una varietà di vini, compresi bianchi, rossi e rosati. Ad esempio, il Salice Salentino Rosso deve essere fatto principalmente con il Negroamaro (minimo 75%). Il Salice Salentino Rosato è un'opzione fresca e piacevolissima.

IGT Puglia: Questa indicazione geografica tipica offre una certa flessibilità nella produzione e riserva grandi sorprese per la qualità che perseguono specialmente i piccoli produttori pugliesi. Puoi trovare vini bianchi, rossi e rosati sotto questa categoria, spesso realizzati con una varietà di vitigni autoctoni e alloctoni di assoluta qualità: specie in Puglia, gli IGT vanno tenuti sott'occhio.

IGT Salento: Ancora sotto l'indicazione geografica tipica, questa volta del Salento, si possono trovare etichette speciali. Tra queste il Primitivo IGT Salento che offre la tipicità del vitigno di una delle uve più importanti della Puglia in una chiave spensierata.

Valle d'Itria IGT: L'IGT Valle d'Itria è una denominazione che abbraccia la regione della Valle d'Itria ed è in grado di riflettere con. Per i vini bianchi, questa IGT offre una vasta gamma di esperienze sensoriali. I bianchi dell'IGT Valle d'Itria sono spesso caratterizzati da un profilo di gusto fresco e fruttato, con sentori di frutta bianca e agrumi, sostenuti da una piacevole acidità.

Cacc'e Mmitte di Lucera DOC: ottenuto da Uva di Troia dal 35 al 60%; Montepulciano, Sangiovese, Malvasia nera di Brindisi tra 25 e 35%; Trebbiano toscano, Bombino bianco e Malvasia Bianca e/o Bianca Lunga tra 15 e 30%. Un rosso asciutto, corposo e strutturato, con un equilibrato livello di acidità e tannini.

4

DOCG

15

DOC

6

IGT

I numeri del Vino Pugliese

La Puglia è la seconda regione in Italia per produzione (dopo il Veneto). Rappresenta una fetta molto importante del vino italiano, sia per IGT (16% del totale) sia per il vino comune (43% del totale).

In Puglia ci sono circa 91.740 ettari di vigneto (dati ISTAT 2022).

La regione ha 4 DOCG, 15 DOC e 6 IGT.

La produzione annua del 2022 è stata di 10.8 milioni di ettolitri di vino (+13% sul 2021, dati ISTAT 2022). Si tratta di un record del 40% superiore alla media storica degli anni 2012-2021. L’incremento è dovuto principalmente alla maggiore produzione di IGT e DOC, mentre la produzione di vino comune è diminuita del 3% rispetto al 2021.

L’uva prodotta nel 2022 è stata di 16.4 milioni di quintali. La resa media dell’uva nel 2022 è stata di 179 quintali per ettaro. La provincia con la resa più alta è stata Foggia; la provincia con la resa più bassa è Lecce (dati ISTAT 2022).

La Puglia è la seconda regione più bio d’Italia con oltre 320.000 ettari in cui si pratica l'agricoltura biologica. Le vigne biologiche in particolare occupano circa 19mila ettari.

5 Vini Rossi Pugliesi pregiati ed esclusivi

Primitivo di Manduria DOC

Uvaggio:

Primitivo 100%.

Affinamento:

Prodotto nell'agro di Manduria da vigne di 20 anni allevate ad alberello pugliese. Uve raccolte a mano, fatte macerare per 7-8 giorni. Svinatura, completamento della fermentazione alcolica e affinamento in vasi vinari di cemento seguendo il tradizionale processo produttivo tipico dei “palmenti”. Evoluzione per 4 mesi in bottiglia.

Chiodi di Garofano | Antico Palmento
Prezzo bottiglia: 25€

Cacc'e Mmitte di Lucera DOC

Uvaggio:

Uva di Troia, Sangiovese, Montepulciano, Bombino Bianco.

Affinamento:

Uve locali che crescono su terreni calcarei, a 300 metri sul livello del mare. L'uva (biologica) viene pigiata in modo soffice, e il mosto fermenta in vasche di acciaio per sette giorni. Affinamento per sei mesi in acciaio.

Motta del Lupo Cacc'e Mmitte | Lucera Petrilli
Prezzo bottiglia: 9,50€

Negroamaro IGT

Uvaggio:

Negroamaro 90%, Malvasia nera 10%.

Affinamento:

Vendemmia manuale in cassette. Fermentazione spontanea senza aiuto di lieviti selezionati per 15 giorni. Bassissimo apporto di solfiti. Matura 12 mesi in acciaio e in seguito ancora in bottiglia.

Negroamaro | Domiziano
Prezzo indicativo bottiglia: 18€

Salento IGP

Uvaggio:

Primitivo 100%.

Affinamento:

Ottenuto da vigneti di 25 anni allevati su suoli di medio impasto tendenti al sabbioso. Raccolta manuale, soffice pigiatura, il mosto poi macera sulle bucce per 6 giorni in acciaio inox con controllo della temperatura; completata la fermentazione, affina per 4 mesi in barrique di rovere e altri 4 in bottiglia.

Primitivo del Salento | Petrelli
Prezzo bottiglia: 13,50€

Primitivo di Manduria DOC

Uvaggio:

Primitivo 100%.

Affinamento:

Vendemmia manuale, pressatura, fermentazione a contatto con le bucce a temperatura controllata. Affinamento in barrique francesi per 10 mesi.

Gocce | Feudi Salentini
Prezzo bottiglia: 28€

5 Bollicine, Bianchi e rosati pugliesi pregiati ed esclusivi

Salento Primitivo IGP

Uvaggio:

primitivo 100%.

Affinamento:

Uve raccolte a mano, diraspatura dei grappoli con rottura parziale degli acini. Sosta del pigiato per 12 ore in contenitori di acciaio; recupero del primo fiore per sgrondo statico e avvio della fermentazione alcolica con lieviti selezionati. Fermentazione per 20 giorni a temperatura controllata. Travaso e maturazione del vino nuovo su fecce sottili, con bâtonnage, per circa 4 mesi. Affinamento in bottiglia.

Rose del Sud | Antico Palmento
Prezzo bottiglia: 19€

Puglia IGP

Uvaggio:

Bombino 100%.

Affinamento:

Bombino bianco in purezza prodotto in biologico, collocato a circa 80 metri sul livello del mare. Dopo la vendemmia manuale e una soffice pigio-diraspatura il vino, prima della fermentazione alcolica, 15 giorni di macerazione in barrique usate. Affinamento in barrique per 8 mesi.

Bombino Macerato Bio | Tenuta Demaio
Prezzo bottiglia: 14,5€

Metodo Classico Brut

Uvaggio:

Bombino bianco e pinot nero.

Affinamento:

Vinificazione con Metodo Classico. Dopo la vinificazione ogni bottiglia riposa minimo 24 mesi al riparo della luce e delle correnti d’aria e degli urti, a 13° C, nei sotterranei dell’antica cantina, e circa due mesi prima della commercializzazione viene sboccata à la glace, manualmente.

Metodo Classico Brut | D'Arapri
Prezzo bottiglia: 24,5€

Valle d'Itria IGT

Uvaggio:

Verdeca 100%.

Affinamento:

Una parte delle uve viene vendemmiata con qualche giorno di anticipo per ottenere il “pied de couve”, così da garantire al resto della massa una fermentazione con lieviti autoctoni, la restante parte è pressata in maniera soffice; il mosto fermenta in acciaio. Un terzo della massa viene vinificato con macerazione delle bucce. Sulle fecce fini per un anno e 6 mesi in bottiglia.

Chakra Essenza | Giovanni Aiello
Prezzo indicativo bottiglia: 18€

Negroamaro Salento IGT

Uvaggio:

negroamaro 100%.

Affinamento:

Pressatura soffice, vinificazione in bianco con svinatura dopo poche ore di macerazione sulle bucce che conferisce una delicata tonalità rosa al vino. Fermentazione a temperatura controllata, affinamento in acciaio per 4 mesi, 4 mesi in bottiglia.

Negroamaro Cavarletta | Petrelli
Prezzo bottiglia: 9,5€

Componi la tua box di Vini Pugliesi con i consigli dei nostri Sommelier

Vuoi scoprire anche tu le migliori bottiglie della Puglia?

Fatti consigliare dai nostri sommelier e inizia oggi a scoprire i tesori enologici della regione grazie a selezioni territoriali disegnate sulla base delle tue esigenze e dei tuoi gusti.

I nostri sommelier creeranno per te selezioni di vini pugliesi in grado di farti assaporare il meglio dei vini della regione, in base al tuo budget e alle tue esigenze. La box sarà un'autentica avventura sensoriale, in cui esplorare i profumi, i sapori e la storia di un intero territorio dietro ogni sorso.

Che tu sia una persona esperta del settore oppure appassionata di vini in cerca di nuove esperienze o anche che tu non conosca per niente i vini pugliesi, Sommelier Wine Box ti offrirà una selezione su misura, adattata ai tuoi desideri e potrai costruire una tua collezione di etichette pregiate.

Oltre alla qualità e all'autenticità di vini di nicchia, offriamo un servizio flessibile e consegna comodamente a casa tua.

Scegli Sommelier Wine Box e goditi un viaggio unico nel cuore della tradizione enologica di uno dei territori del vino della Puglia.

Fatti Fare una Selezione di Vini Pugliesi

FAQ sui Vini Pregiati Pugliesi

Tell your story

Slide 2