Vin de France

Cosa sono i Vins de France? Una guida completa

In Francia, dal 2009 non esistono più i “Vins de table”, divenuti “Vins de France”. Ecco di cosa si tratta e come è cambiato il sistema di qualità dei vini francesi da allora. Una guida completa firmata Sommelier Wine Box.

Negli anni Duemila si è iniziato a parlare di una rivoluzione delle denominazioni francesi, arrivata poi nell'agosto 2009. Sono quindi nati i Vins de France. Ecco cosa sono e tutto quello che c’è da sapere sul sistema di qualità enologica in Francia.

Cosa sono i Vin de France?

Sono i vini che stanno alla base della piramide qualitativa, privi di indicazioni geografiche precise, delle denominazioni francesi: i vecchi Vins de table con disciplinare modificato: i vecchi i vini "da tavola" sono stati ribattezzati.

- Leggi anche: i vini francesi spiegati semplice

Quando sono nati i Vin de France?

Il primo agosto 2009 è entrata in vigore la nuova normativa, applicata poi gradualmente.

Come è cambiato il sistema di qualità delle Appellation francesi?

  1. Al vertice della piramide qualitativa francese, le Aoc (Appellation d'origine contrôlée), sono state ribattezzate (facoltativamente) Aop (Appellation d'origine protégée);
  2. Più sotto è scomparsi i Vins de limites de qualité supérieure (Vdqs);
  3. Un gradino più in basso i Vins de pays sono stati tramutatu in Indication géographique protégée (Igp);
  4. Alla base della piramide i Vins de table d’Oltralpe sono diventati Vins de France (VdF).

- Leggi anche: capire i vini francesi con i trucchi di Julien Miquel

Qual è la fondamentale differenza tra Vins de table d’Oltralpe e Vin de France?

Nei Vin de France si possono (facoltativamente) indicare vitigno e annata, se ne costituiscono almeno l’85%. Inoltre, non è da sottovalutare per la comunicazione, specie nel mercato estero, l’indicazione esplicita della Francia.

- Leggi anche: quello che c'è da sapere sullo Champagne

Conseguenze del cambio di nome?

Il “rebranding” dei vini da tavola francesi si sta rivelando un fenomeno attrattivo al punto da avere creato una moda di consumo.

Talvolta è una scelta esplicita da parte di vignaioli naturali che deliberatamente scelgono di non produrre all’interno delle più severe denominazioni ma nei Vin de France per portare avanti un approccio personale alla vinificazione.

- Leggi anche: il marketing del vino di Napoleone III

Come regolarsi se in etichetta si trova l'indicazione Vin de France?

Di fatto, all’interno dei Vin de France oggi si trova una grande varietà e giudicare dalla sola etichetta non è possibile: bisogna investigare un po' su chi produce la bottiglia e assaggiare. All'interno dei Vin de Franceinfatti, si può trovare la bottiglia industriale di scarsa qualità ma anche la costosissima etichetta con produzione limitata.

Questo si riflette in una eterogeneità qualitativa che bisogna conoscere perché mette un po' in crisi le certezze della classica piramide qualitativa francese.

 

Vuoi scoprire vini selezionati da grandi sommelier?

SCOPRI SOMMELIER WINE BOX

Vini di nicchia da tutto il mondo, in selezioni fatte sulla base dei tuoi gusti.