Cos’è la vinificazione? Una guida facile e completa

Cos’è la vinificazione? Una guida facile e completa

La vinificazione è il processo chiave per la produzione del vino. Ha un fascino speciale, dal momento che richiede precisione e competenza estreme, ma al tempo stesso anche il coraggio della sperimentazione. Scopriamo insieme cos’è la vinificazione e quanti tipi diversi di tecniche esistono, cioè le fasi e le nozioni di base per capire come funziona la produzione di vino. In una guida facile e completa firmata Sommelier Wine Box.

Ecco una guida facile alla vinificazione, per chi è curioso di capire l’arte della trasformazione dell’uva in vino.

Cos’è la vinificazione?

La vinificazione è il processo di trasformazione dell’uva in vino. Si tratta di un insieme operazioni, tutte cruciali per la buona riuscita del prodotto che arriverà nel nostro calice. La vinificazione varia a seconda di molti fattori tra cui: varietà dei vitigni, terreni e microclima in cui sono cresciuti.

Vinificazione in rosso

La vinificazione in rosso è ottenuta tramite macerazione, cioè il contatto delle bucce dell’uva con il mosto liquido, che a poco a poco si trasforma in vino. Dalla vinificazione in rosso si ottengono vini rossi (se l'uva è a bacca nera), orange se l'uva è a bacca bianca. Un discorso a parte va fatto per i vini rosa, di cui più sotto.

Vediamo tutte le tappe della vinificazione in rosso.

  1. Raccolta: in vigna, è la fase di selezione delle uve, che devono essere qualitativamente sane e mature. La raccolta può essere manuale oppure essere eseguita meccanicamente.
  2. Diraspatura: consiste nell’eliminare i raspi dai grappoli. Questo passaggio porta delle conseguenze come la concentrazione dei tannini
  3. Pigiatura: schiacciamento dell’acino per consentire la fuoriuscita del succo e della polpa. La pigiatura è una fase molto delicata e influenza in modo determinante il processo di macerazione e fermentazione, quindi la qualità del vino.
  4. Fermentazione alcolica: processo mediante il quale i lieviti trasformano gli zuccheri in alcol etilico, anidride carbonica e altre sostanze aromatiche. Fattori come la temperatura (di norma attorno a 28-30°C), l’ossigeno e i tannini sono elementi fondamentali per ottenere una fermentazione di qualità.
  5. Macerazione: eccoci alla fase di contatto tra bucce e mosto, responsabile di tutte le caratteristiche visive, olfattive e gustative che differenziano i vini rossi dai bianchi. La macerazione apporta tannini, sostanze aromatiche e minerali (conferiscono la sapidità in bocca).
  6. Svinatura: è la separazione del vino dalle bucce. Può essere effettuata prima, durante o dopo la fermentazione.
  7. Fermentazione malolattica: trasformazione dell’acido malico in acido lattico. Permette di ottenere vini più morbidi ed equilibrati, con aromi fini ed eleganti.
  8. Imbottigliamento e affinamento: il nostro vino a questo punto è pronto per essere messo in bottiglia e può affinare in legno o in acciaio (più raramente in altri materiali come anfora, cemento o addirittura ceramica).

Una fase della vinificazione in rosso
 

Vinificazione in bianco

La vinificazione in bianco, a differenza di quella in rosso, è condotta con la fermentazione del solo mosto, escludendo le parti solide.

Come si produce il vino bianco? Particolarità del metodo di produzione

  1. Raccolta e trasporto delle uve a bacca bianca devono avvenire con particolare cura perché non si danneggino i grappoli, data la delicatezza della materia prima.
  2. Estrazione del mosto: serie di lavorazioni dell’uva (pressatura, sgrondatura e illimpidimento) con l’obiettivo di ottenere solo la parte liquida. Processo fondamentale per ottenere maggiori sostanze aromatiche e fresche, cioè i profumi e i sapori che ritroveremo nel bicchiere.
  3. Fermentazione alcolica: realizzata a una temperatura inferiore a quella della vinificazione in rosso (intorno ai 18-20° C), per garantire migliori doti di finezza dei profumi e dei sapori del vino bianco. Cioè quel senso di pulizia e finezza che si avverte quando si avvicina il naso al bicchiere.
  4. Travaso: si effettua per pulire in modo definitivo il vino dalle sostanze solide che si depositano sul fondo del contenitore. In questo modo, nel calice non ci saranno depositi.
  5. Fermentazione malolattica: anche se questo tipo di operazione è più tipica dei vini rossi, in alcuni bianchi più importanti viene indotta per diminuire l’acidità e, di conseguenza, per avere un risultato più morbido ed equilibrato.
  6. Maturazione e invecchiamento: i vini sono sottoposti ad affinamento, che può durare pochi mesi in acciaio o anche più anni in botti di legno, a seconda del vino che si vuole ottenere.
vinificazione in bianco

- Leggi anche: cosa sono i vini muffati

Vinificazione in rosato

Come si produce il vino rosato? Particolarità del metodo di produzione

I sistemi per produrre i vini rosati sono più di uno, ma quello maggiormente utilizzato è la breve macerazione delle vinacce (tecnica detta del “salasso”), da uve a bacca nera, nella parte liquida del mosto. Cioè la vinificazione in rosso con poco contatto tra le bucce e il mosto.

Le altre due alternative sono:

  • Usare uve a bacca nera con scarsi tannini.
  • Blend, cioè assemblaggio di uve a bacca nera e bianca.

I vini rosati hanno caratteristiche organolettiche a metà tra il rosso e il bianco, tuttavia sono più simili a vini bianchi, dal momento che sono focalizzati su sapori di fragranza e freschezza. Tendono a essere molto prodotti nel sud Italia, dove il maggiore zucchero nel mosto permette di ottenere rosati dal tenore alcolico più elevato.

 

Vini rosati ottenuti da una breve macerazione
Vuoi scoprire vini di nicchia, sempre nuovi? Con Sommelier Wine Box puoi avere bottiglie di piccole cantine da tutto il mondo in selezioni personalizzate, ogni mese a casa tua. Metti alla prova i nostri esperti sommelier e scopri come funziona l'abbonamento.

CLICCA QUI